#Scuole, Gruppo Giovani

Nuove forze e “Forze Nuove” (sul caso di Modena)

2 Apr , 2015  

Da “il Resto del Carlino” del 28 Marzo 2015:

Omofobia e transfobia rappresentano un argomento tabù negli istituti superiori modenesi? E’ quanto si chiedono mille e duecento studenti del Selmi, ai quali è stato‘vietato’ di ospitare alcuni narratori dell’ Arcigay, nell’ambito di un’assemblea di istituto incentrata sui medesimi temi, di forte attualità, organizzata per martedì 31 marzo al Raffaello. A farsi portavoce del malcontento che aleggia tra le aule sono i due rappresentanti di istituto,Chiarandrea Franchini e Fabio Buonocore, che, raccolte tra i banchi appunto 1200 firme a favore dell’evento, ora chiedono spiegazioni sul diniego.

Il caso ricorda da vicino quanto accaduto al vicino liceo Muratori, quando duecento ragazzi manifestarono dopo il ‘no’ di una cinquantina di genitori all’assemblea di istituto con il transgender Vladimir Luxuria. Anche in questa circostanza, sarebbero stati una trentina di genitori a chiedere alla preside di annullare l’incontro coi ragazzi dell’Arcigay, nonostante la volontà degli studenti. «Subito ci era stato detto di no perchè il film che volevamo trasmettere, ‘Priscilla, la regina del deserto’, era vietato ai 14. Abbiamo atteso che tutti raggiungessero ‘il traguardo’ – spiega Chiarandrea – e ci siamo visti sollevare altri problemi. Tra l’altro, cosa mai accaduta nel caso di relatori delle precedenti assemblee, ci è stato pure chiesto di consegnare i curricula dei narratori, ovvero presidente e vice presidente dell’Arcigay, insieme a quelli di altri ragazzi chiamati a testimoniare circa episodi di discriminazione subiti da coetanei. Noi studenti abbiamo diritto ad organizzare l’assemblea ed il tema è molto sentito oggi».

Ai cronisti locali spesso sfuggono alcuni concetti come il seguente: quando ci si rivolge a persone come Vladimir Luxuria, il “galateo” suggerirebbe di utilizzare il pronome femminile, quindi LA transgender.
Tuttavia questo breve frammento di articolo riporta molto fedelmente e incisivamente ciò che si è verificato in questi giorni nel noto liceo modenese. Sono da considerarsi inaccettabili questi atteggiamenti di coloro i quali celano la propria intolleranza (qualsiasi essa sia) dietro a scuse che offendono l’altrui intelligenza.
Giust’appunto, nella giornata di oggi, arrivano puntuali i sinceri e sentiti complimenti da parte della sezione modenese di Forza Nuova nei confronti della dirigente scolastica. Ritengo superfluo ogni ulteriore commento.
La Nostra attività all’interno delle scuole proseguirà fino a quando ci saranno studenti disposti a mettersi in gioco purchè la libera informazione e le testimonianze individuali entrino a far parte della loro avventura disciplinare. Al nostro arco vantiamo le frecce del costante e progressivo aggiungersi di forze nuove e fresche. Le altre “Forze Nuove” non ci riguardano e non ci intimidiscono.

Alessandro, Gruppo Giovani e Gruppo Scuole Tralaltro

 

contri fn


I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: